Il Salmo del giorno - "Ho sperato, ho sperato nel Signore"



Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.

Ho sperato, ho sperato nel Signore,
ed egli su di me si è chinato,
ha dato ascolto al mio grido.
Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo,
una lode al nostro Dio.

Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto,
non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.
Allora ho detto: «Ecco, io vengo».

Ho annunciato la tua giustizia
nella grande assemblea;
vedi: non tengo chiuse le labbra,
Signore, tu lo sai.

Non ho nascosto la tua giustizia dentro il mio cuore,
la tua verità e la tua salvezza ho proclamato.
Non ho celato il tuo amore
e la tua fedeltà alla grande assemblea.


Non so se la mia idea sia originale, ma ho sempre amato il libro dei Salmi. Ho sempre amato cantare e lodare Dio. E' il nostro destino no? Un giorno saremo tutti là, davanti a Lui e Lo loderemo, eternamente.

Abbiamo tanti teologi bravissimi che ogni giorno ci spezzano il Vangelo con sapienza.

Io non credo che riuscirò ogni giorno, non è nella mia indole e poi non sono un teologo e neanche un catechista, però sono un uomo che prega, che cerca di non staccare la spina  da Dio, anche se delle volte è difficile, anche se talvolta lo faccio.

Provo a commentare per voi il Salmo del giorno, più che commentare provo a lasciarmi ispirare e a pregare con voi. Forse lo farò solo oggi. Va bene lo stesso no?

Ho sperato! Ho sperato, anche quando gridavo, perché stavo male, perché ero arrabbiato. Magari ho gridato proprio contro Dio, come Giobbe. Perché quando le cose vanno male il primo colpevole che troviamo, che trovo, è Lui. L'agnello senza macchia.

Dio si è chinato su di me, non mi ha chiesto di espiare le mie colpe, di scontare la giustizia, di sopportare qualcosa che non avrei potuto. Non mi ha messo il muso. Non mi ha detto: "Hei senti! Visto che te la sei presa con me sai che ti dico? Arrangiati!"

Ha pagato la mia cauzione, non lo meritavo, ma l'ha fatto lo stesso.

Ecco perché desidero annunciare la Sua Giustizia nella grande assemblea, nella Chiesa. La Sua Giustizia è quella del Dio di Giona, che ha pietà di Ninive, anche se era una città immersa nel peccato! Anche se aveva minacciato di distruggerla come fosse Sodoma, il Dio di Giona si ravvede e usa Misericordia. Questa è la Tua Giustizia Dio!

Non nascondo la Tua Giustizia nel mio cuore. Non dico che è giusto ciò che è peccato, ciò che non mi può rendere felice, perché il peccato è soltanto questo, scegliere qualcosa che mi ha già dato il sapore dell'infelicità. Il peccato non è un'invenzione di Dio per darci noia. Dio che ci ha creati, sa come siamo fatti, semplicemente ci dice cosa non ci può soddisfare.

Non ho celato il Tuo Amore alla grande assemblea. Lo voglio dire a tutti, ma in particolare a chi è omosessuale e si sente un cristiano di serie b: mi sento amato da Dio in modo appassionato e profondo e anche tu lo sei! In questo periodo della mia vita sono stato spogliato da tutti i miei sogni e da tutte le mie ricchezze, ma sai cosa ti dico?

Anche se a volte grido, batto i pugni, mi arrabbio: mi sento amato con passione da Dio! Più di prima!

Che tu possa sentirti amato altrettanto da Lui, sempre!

Commenti

Post popolari in questo blog

Ecco perché ringrazio Joseph Nicolosi

Il Papa, le guerre mondiali e il gender di Dio.

Seconda Lettera a Papa Francesco - Mittente: Eliseo del Deserto