Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2018

"Chiamami col tuo nome!" e l'amore omosessuale

Immagine
Chiamami col tuo nome”. Bel film! Luca Guadagnino sa fare il suo lavoro, ma la mia impressione è che si voglia edulcorare la rappresentazione dell’omosessualità, come in tanta cinematografia gay. I protagonisti sono descritti come un qualsiasi maschio eterosessuale: mai effeminati, voci profonde, sicuri di sé. Siamo sinceri dai! Quando uno è gay si vede! Per quanto uno sia “maschile”, tra noi gay ci riconosciamo subito. Raramente restiamo sorpresi quando qualcuno si dichiara.

Film come questo, "Brokeback Mountain" o altri, sono fiabe. Piuttosto descrivono fedelmente un immaginario erotico gay, cioè quello che un gay vorrebbe gli succedesse. Per carità! Mai generalizzare! Il mondo dell’omosessualità è eterogeneo come il Brasile, ma un po’ di autocritica va fatta. Possiamo indossare tutte le barbe e i muscoli che vogliamo, ma come diceva uno dei protagonisti di “Mine Vaganti” quando meno te l’aspetti la tua parte femminile prende il sopravvento: “E’ la vera me, io la tratteng…

Gli acrobati della santità!

Immagine
Ultimamente mi è capitato di lavorare con bambini con gravi difficoltà nell'apprendimento. Quante cose ho imparato sulla fragilità umana e sulla mia fragilità.
Uno dei bambini di cui mi prendo cura ha un grave ritardo mentale e una fortissima avversione alla scuola. Con l'equipe delle maestre e con i relativi esperti si è capito che per quest'anno il bambino non imparerà né a leggere né a scrivere, e che il nostro primo obiettivo deve essere quello di dare al piccolo delle basi che in questo momento per lui sono ancora più importanti: ad esempio riconciliarsi con la scuola e crescere nella stima di sé.
E' vero! Forse tutti i suoi compagni, potranno imparare a leggere e scrivere, il mio bimbo no. Lui imparerà più avanti, forse, ma certamente prima deve acquisire altre competenze fondamentali per la sua vita.
Quante volte anche noi pretendiamo da noi stessi e dagli altri di saper già "leggere e scrivere"! Quante volte pretendiamo da noi stessi e dai nostri fra…